Perchè Palio News.

Palio News nasce dalla voglia di raccogliere informazioni che riguardino tutto ciò che è Palio nel rispetto della festa, delle Contrade e delle Istituzioni.
Chiunque è invitato, a partecipare alla crescita di questo blog, commentando, o nel qualcaso voleste a prenderne parte direttamente, facendone richiesta.

PAGELLE DI FINE STAGIONE PALIESCA

Paride De Mauro detto Tiburzi: per il fantino pugliese, esordiente quest'anno all'età di 34 anni, un buon palio a luglio per l'Aquila su Giordhan. Ad agosto male sempre nell'Aquila ma stavolta su Ilon. Mostra comunque carattere tra i canapi e sangue freddo nel nerbare la rivale, per questo giudizio positivo. VOTO 6


Giuseppe Zedde detto Gingillo: a luglio squalificato, ad agosto vittorioso per il Bruco con Elisir. Fortuna( vedere 1San Martino) ma anche tanta bravura e determinazione hanno portato il fantino senese alla sua prima affermazione dopo tante prestazioni incolore.VOTO 9

Jonathan Bartoletti detto Scompiglio: si dimostra partente con Iada a luglio nel Leocorno ma data la non grande esperienza del barbero finisce nelle retrovie dopo San Martino. Grande corsa per il Drago con Fedora ad agosto con cui riesce a prendere il comando prima di San Martino per poi cascare al primo Casato dopo uno scivolone della cavalla. VOTO 6,5

Luca Minisini detto Dè: 6 anni di astinenza dalla vittoria si cominciano oramai a far sentire per il fantino livornese. Prova incolore a luglio nella Giraffa con Gezabele. Mediocre anche ad agosto nel Montone con Choci nonostante una buona partenza. Se l'anno scorso ad agosto aveva fatto un passo in avanti rispetto agli standard degli ultimi tempi con l'ottima corsa su Gride per la Giraffa allora quest'anno ne ha fatti altri 2, indietro però. Il prossimo anno sarà l'anno presumibilmente delle ultime opportunità. VOTO 4

Luigi Bruschelli detto Trecciolino: dopo 3 anni è tornato al successo mettendo a tacere chi lo riteneva finito con una carriera ottima con Già del Menhir per i colori dell'Istrice.Ad agosto prova brutta nella Tartuca con Elimia, cavallo a lui gradito. Giudizio comunque positivo.
VOTO 8

Virginio Zedde detto Lo Zedde: anche quest'anno è mancato all'appuntamento con la vittoria che secondo molti doveva arrivare. A cavallo solo a luglio con il giubbetto azzurro del Nicchio su Giove Deus. Lo si ricorda in questo 2008 solo per i continui litigi alla mossa con la rivale Montone. Poi parte ultimo e al 1°San Martino rovina in terra. Delude le aspettative. VOTO 3,5.

Giovanni Atzeni detto Tittia: a luglio per i colori del Bruco su un sopravvalutato Estremo Oriente non si vede. Ad agosto il ritorno nell'Oca su Elfo di Montalbo. Ferma la Torre al canape e riesce ad essere primo due giri. Poi al terzo giro a Fonte Gaia si vede che il cavallo non ne ha più e viene superato dal Bruco. Disputa comunque una grande corsa. VOTO 5+

Andrea Mari detto Brio: nel palio di Provenzano su Indira Bella nella Pantera non parte bene ma impostando un palio di rimonta riesce ad arrivare fino al 4°posto. Ad agosto spreca un'enorme chance nella Torre con il forte Già del Menhir. Parte dietro chiuso egregiamente dalla rivale e quando sembra poter recuperare sbatte, c'è da dire sfortunatamente, sullo scosso del Drago perdendo il passo. Anche lui delude. VOTO 5

Antonio Villella detto Sgaibarre: corre solo a luglio con Choci rimanendo in ombra. Ad agosto fa tutte le prove ma alla segnatura viene sostituito con il novello Argomenni. Comunque è dal 2003 che il romano non vince. Il prossimo anno deve dimostrare assolutamente che quella vittoria non sia stata un fuoco di paglia. VOTO 5

Igor Argomenni detto Smarrancio: arriva al palio senza disputare neppure una prova su Giordhan cavallo che allena tutto l'anno. Durante la corsa non minaccia mai i primi però finisce con una corsa dignitosa. VOTO 6 ma da rivedere

Alberto Ricceri detto Salasso: a luglio nella Torre con Elfo. La sua corsa si infrange contro un colonnino all'ultimo Casato ma ciò non toglie che abbia fatto una buonissima prestazione. Ad agosto indossa il giubbetto del Nicchio con il problematico Guess. Parte ultimo male ma riesce a rimontare fino al 5°posto. VOTO 7

Valter Pusceddu detto Bighino: a luglio appiedato. Ad agosto in Stalloreggi con l'esordiente Istriceddu. Grande partenza ma a San Martino, frenato soprattutto dal tamponamento con il Bruco, termina nelle retrovie. Si ricorda di questo suo 2008 le nerbate con l'Aquila al 2°giro.VOTO 5,5

Alessio Migheli detto Girolamo: esordio con il giubbetto rosa del Montone a luglio su Iolao. Dimostra di non farsi intimorire dall'esperto Virginio Zedde tra i canapi reggendo il confronto. Come il rivale parte male e finisce anche lui ad assaggiare il tufo al primo San Martino. VOTO 4,5


Pubblicato danegrelli a 22:47